lunedì 25 settembre 2017

Racconti di viaggio, quando un posto ti conquista.

Eccomi al rientro da tre settimane di vacanza, siamo stati, come ogni anno, alle Canarie, sull' isola di Tenerife. La prima volta che ci siamo venuti, nel 2004, è stato amore a prima vista ed abbiamo deciso di tornarci, e poi ancora e ancora e ancora... Ho perso il conto, credo sia la nona o decima volta che ci torniamo.
Quest'anno abbiamo visitato posti stupendi e mangiato ogni ben di Dio, comprese cose scelte a caso dal menù che, fortunatamente, ci hanno stupito. Una sera, di ritorno da una gita sul Teide ci siamo fermati in un ristorante. È uno di quei posti che visto da fuori non è molto invitante, anzi tutt'altro ma abbiamo deciso di entrare. Era un posto piccolissimo, con solo una ventina di coperti, vicino a la Playa de las Teresitas, ed abbiamo ordinato una porzione di lapas, senza sapere cosa fossero. Ci hanno servito questo delizioso piatto di molluschi (patelle) che sono veramente buonissime, condite con olio, aglio e delle erbe aromatiche non ben identificate.
Un altro giorno, in un ristorante ancora più piccolo e brutto ma dove cucinano divinamente, abbiamo mangiato i chipirones (dei piccolissimi calamari fritti), i churros de pescado (dei pezzi di merluzzo fritti con una pastella all'uovo) e del pesce (non chiedetemi quale) alla griglia.
Anche la paella, se presa nel posto giusto, è molto buona. Una cosa di cui invece ho sentito molto la mancanza, oltre la pasta, sono le verdure. Alcune cose non ci sono, o si trovano a fatica, ed altre hanno prezzi molto alti, dovuti anche all'importazione, come zucchine e carote.
L'isola è vulcanica, quindi il terreno è molto fertile. La vegetazione cambia radicalmente dal nord al sud, e nella parte centrale, che sale lungo il Teide, si trovano una quantità innumerevole di cactus stracolmi di fichi d'india, aloe e alberi di fichi neri, cresciuti spontaneamente lungo la strada. La coltivazione principale è quella delle banane, piccole e molto dolci, ma ci sono anche avocado, mango, patate, pomodori, lime...
Un frutto che mi piace tantissimo e che qui consumo tutti i giorni è il mango. Fresco è la fine del mondo ma si trova ovunque in mille modi: disidratato, in crema, succo, confettura, chatney...
Di prodotti strani c'è ne sono molti, ad esempio le varie creme di frutta esotica tra cui banana, fichi d'india, papaya e arancia e le confetture di ananas e cocco, mango e kiwi, mango e limone, papaya o guava.
La cosa più strana che ho mangiato è stata la "marmellata di cactus", ha un gusto delicato e particolare che non saprei descrivere. Ora però la vacanza è finita e si torna alla vita di tutti i giorni...

venerdì 1 settembre 2017

Meat Free Contest Luglio-Agosto. La ricetta vincente è...

Come cantavano i Righeira quando ero bambina "l'estate sta finendo..." Beh, per me non è ancora iniziata, o meglio, le ferie non sono ancora iniziate. Ancora pochi giorni e finalmente partiremo anche noi per le vacanze ma nel frattempo, è finita un'altra tappa del contest! Il tema, scelto da Daniela (che ringrazio in particolare modo per tutto) del blog Timo e lenticchie, era la cucina vegetale senza proteine animali. In estate frutta e verdura abbondano ed avete partecipato veramente in tanti, vi ringrazio tutti, le ricette mi sono piaciute un sacco ed ho preso qualche spunto per cercare di mangiare in modo più sano!

Tra le tante ricette pervenute Daniela ha faticato non poco a scegliere le tre finaliste:

Riso nerone con cipolla di Tropea e pomodori, su crema di ceci Briciole di salute

Cous cous al finocchietto Cucino con poco

Polpette di fave al curry I biscotti della zia

Devo dire che anche io ho faticato a decidere il vincitore. Le avrei mangiate tutte molto volentieri ma alla fine comunque dovevo decidere...

- Polpette di fave al curry
Complimenti a Consuelo del blog I biscotti della zia che si è aggiudicata la vittoria.
Anche io faccio ogni cosa a polpetta perché mi piacciono molto e in questo modo mio figlio mangia anche degli alimenti che non vorrebbe vedere neanche da lontano... il curry e le fave sono due ingredienti molto buoni ma non posso cucinarli spesso perché, ahimè, a mio marito non piacciono. Con la mente però vorrei affondare i denti in quelle polpettine deliziose...

Ci vediamo nei prossimi giorni sul blog di Consueto per scoprire il tema o le limitazioni che sceglierà per la prossima tappa del contest. Se non lo avete ancora fatto vi invito a leggere il regolamento e a partecipare. Vi aspettiamo numerosi!

Per me ora inizia la vacanza... me ne vado all'estero. Ci vediamo tra qualche settimana, con tanta abbronzatura e sicuramente qualche chilo in più! A presto!


giovedì 31 agosto 2017

Estratto di Carote, Sedano e Anguria

È iniziato il conto alla rovescia per il mare e, di conseguenza, anche quello per la tintarella. La mia pelle è piuttosto chiara e vorrei fare il pieno di beta carotene per favorire l'abbronzatura. Ogni giorno
mangio un po' di carote, cotte o crude, oggi ne ho bevuto il succo in un estratto.
Vi lascio la ricetta e spero che vi piaccia.

INGREDIENTI:

4 carote
1 fetta di anguria
2 coste di sedano
1/2 bicchiere d'acqua

PREPARAZIONE:

Tagliate a pezzi l'anguria e il sedano. Lavate le carote e strofinatele con una spazzolina. Inserite gli ingredienti nell'estrattore alternando le verdure più asciutte, all'anguria più acquosa. Aggiungete l'acqua al succo, mescolate e se non lo consumate subito riponetelo in frigo in una bottiglia chiusa.

mercoledì 30 agosto 2017

Pasta risottata allo Speck e acqua di Pomodoro


Avendo appena fatto in casa la passata ho molta acqua di pomodoro da usare, ed è un peccato buttarla... Potete farci il risotto all'acqua di pomodoro al pesto, aggiungerla a un estratto, oppure vi suggerisco questa buonissima pasta risottata allo speck, cremosa e saporita.
Vi lascio la ricetta e spero che vi piaccia.

INGREDIENTI per 4 persone:

320 gr di pasta corta
120 gr di speck tagliato a striscioline
1 litro di acqua di pomodoro
Olio evo
Sale

PREPARAZIONE:

Versate un filo d'olio in una grossa padella, aggiungete lo speck e fatelo rosolare. Aggiungete la pasta, fatela tostare un minuto ed aggiungete metà dell'acqua di pomodoro bollente ed il sale. Rimestate di tanto in tanto e continuate ad aggiungere altra acqua di pomodoro fino a portare a cottura. Fate saltare la pasta in padella per ottenere una crema e servite subito.

martedì 29 agosto 2017

Gelato alla Banana con estrattore

Mi rendo conto che ultimamente uso l'estrattore tutti i giorni ma che ci posso fare... Sarà la stagione ricca di frutta e verdura, sarà il caldo torrido, sarà che ho imparato ad amarlo e a scoprire le sue potenzialità... oggi ci ho fatto il gelato. Onestamente non so neanche io come definirlo... non contiene latte come il gelato e non ha abbastanza zuccheri per essere un sorbetto... Allora per comodità, e perché mi piace di più, lo chiamerò gelato. Un gelato sano, senza grassi e veloce da fare, che mi ha permesso di utilizzare delle banane troppo mature che altrimenti sarebbero finite nel bidone della spazzatura. E invece ecco un'ottima merenda che io ho potuto solo assaggiare perché mio figlio l'ha divorato!
Vi lascio la ricetta, spero che vi piaccia.

INGREDIENTI:

2 banane (nel mio caso molto mature)
1 cucchiaio di zucchero

PREPARAZIONE:

Tagliate le banane a rondelle, cospargetele con lo zucchero e mettetele nel congelatore per 6 ore. Chiudete la bocchetta del succo sull'estrattore e passate le banane. Spatolate il gelato per ammorbidirlo, mettetelo nelle coppette e servite subito.